Installazioni e scultura si alternano a fotografia, video e performance.

La narrazione delle opere si sviluppa sui temi degli opposti e delle contraddizioni.

Davide Allieri, classe 1982, nasce a Bergamo e dopo gli studi inizia ad approfondire, attraverso la propria arte, gli interrogativi dell’uomo attraverso un’assoluta libertà espressiva.

La tematica del “doppio” viene analizzata da Allieri attraverso l’idea di ripetizione, di gemello, di copia o di scambio. Questa tipologia di dialogo è estremamente contemporaneo agli occhi dell’artista, che ritrovare il tema del “doppio” fondamenta della società odierna, come per esempio nella complessità dei social network, dove reale e virtuale convivono dentro ciascuno.

Il doppio è anche confronto, contrapposizione, contrasto, conflitto.

Ma questa relazione ruota anche intorno al concetto di doppio, inteso, da un lato, come replica, riproduzione e impronta, dall’altro come contrapposizione tra due elementi: vuoto e pieno, liquido e solido, luce e oscurità, bianco e nero, positivo e negativo, vita e morte.

Ogni opera appartenente alla serie Duet è, di fatto, accompagnata dal proprio gemello, o dalla sua copia: due fotografie, due disegni a pastello, due aste in legno verniciato di nero o due piccoli piedistalli.

Influenzato dalla cultura classica e dai filosofi contemporanei, da Deleuze a Didi-Huberman, Davide Allieri indaga il vuoto, la mancanza, la negazione prediligendo l’installazione come propria tecnica poiché la qualità più importante è la collocazione dell’opera all’interno del spazio e la fisicità di quest’ultima.

La duplice relazione tra fisico e spazio.

In un doppio, una copia, afferma Davide Allieri, “non risulta mai identica all’originale. Seppur perfetta, avrà sempre quel minimo di scarto che la rende unica”.

Perché un duplicato, non essendo l’originale, avrà sempre qualcosa di diverso: una particolarità, un’ombra, un difetto o un pregio.

previous arrow
next arrow
Slider

Fonte:  davideallieri.com

 

Autore: Alessia Romano

 

Cilcca qui per leggere gli altri articoli!

Facci sapere cosa ne pensi!