Philosophia naturalis.

Ecco come si chiama la riflessione filosofica sullo studio della natura, che coniugava lo studio di quest’ultima sia da un punto di vista empirico, sia da un punto di vista metafisico.

Platone, nel “Timeo”, afferma l’esistenza di un’anima del mondo, un’energia interiore dotata di intelligenza e anima in grado di rivitalizzare il cosmo e l’umanità.

Questa energia, dalla terra sottostante, passa direttamente all’uomo: vibrazioni e tensioni vivono dentro di lui grazie alla natura, grazie a ciò che la madre terra trasmette ai suoi abitanti. Alina Vergnano, giovane artista torinese che vive e lavora a Göteborg, in Svezia, approfondisce questo tema nelle sue tele: la relazione intrinseca tra l’uomo e la natura, e le energie attrattive che agiscono tra queste due anime.

Nella sua opera “Natura”, realizzata nel 2018, rappresenta l’uomo e la natura come fossero una cosa sola.

La natura è parte dell’uomo e viceversa, nonostante ci sia la costanza di volersi distaccare da essa. Il rapporto tra questi è direttamente visibile nelle tele grezze dell’artista, caratterizzate da un forte senso di immediatezza e di impulsività grazie alla matrice segnica carica di espressione e ritmo.

Il corpo diventa un gesto, ogni curva rappresenta la forma di una lettera di un linguaggio in qualche modo non trasponibile. In questo modo conferisce forma alle emozioni e ai sentimenti. Le sbavature della vita che circonda l’uomo si riflettono nell’imperfezione dei corpi rappresentati, spesso deformati o impigliati l’uno nell’altro. I corpi si muovono sinuosamente nello spazio della tela in una rapporto stretto, ma ambiguo: un abbraccio, un conflitto, una danza sinuosa, non si capisce bene, ma magari sono tutto questo. Il rapporto con la natura è fatto di amore e odio, un sentimento che anima la vita e le dona la volontà di potersi rialzare, anche nei momenti di difficoltà. Uno spirito sorveglia sempre l’uomo nel momento del bisogno, nel momento in cui vuole nascondersi anche da sé stesso. Questo spirito è per l’artista la Natura, meravigliosa e selvaggia, la quale sprigiona un’energia che non si può controllare ma che rende l’uomo più forte.

 

46278586_2184854025090560_7849978784223592448_o

Fonte: Alina Vergnano, Natura, (2018), 135×135, pastello a olio su tela, ph. Adriano Blarasin – Artoday

 

Autore: Alessia Romano

Clicca qui per leggere altri articoli!

Facci sapere cosa ne pensi!