“Ogni tanto, quando sono in metropolitana, imbattendomi nel viso di una bella ragazza inizio a fantasticare su come potremmo conoscerci per caso, scoprire le cose che abbiamoin comune, uscire a cena e finire a fare l’amore”.

È così che inizia Romance.

 

Luca Loreti, classe 1990, presenta presso Bitcorp (Via Enrico Besana 11, Milano) una grande parte delle opere #Holes realizzate fino ad ora, oltre ad una grande scultura inedita.

Le sue opere si presentano come pitture apparentemente normali ma, per un osservatore attento in realtà, queste sono caratterizzate da una bellezza osservabile a 360°.

Sono sculture a tutti gli effetti: ferro e vernice industriale, completamente rosa, appesi alle pareti.

ROSA, il colore della sessualità e della femminilità, proprio quella caratteristica insista della donna da cui l’artista è attratto.

 

Splorch.

Slurp.

Glup.

06-luca-loreti-romance-2019-installation-view-bitcorp-for-art-milano-ph-luca-matarazzo

 

Orifizi sessuali.

 

Ecco cosa rappresentano queste opere.

Quando un ragazzo osserva una ragazza, o viceversa. O quando un ragazzo osserva un ragazzo, e una ragazza un’altra ragazza e pensa al sesso, alle componenti anatomiche che sono le prime ad incuriosire, ad essere osservate, ad essere studiate, e a eccitare.

Le immagini sono pure, e semplici. Linee di ruggine che con il tempo si plasmeranno in un foro.

Ma.

Il pensiero, il concetto. La sfera sessuale, le diverse anatomie. Il dito, che agisce nella pittura, come nella più erotica delle azioni.

 

08-luca-loreti-romance-2019-installation-view-bitcorp-for-art-milano-ph-luca-matarazzo

 

I lavori sono vivi, nelle loro continua trasformazione.

La fragilità di queste opere, seppur in maniera diversa, è ugualmente trasposta nell’unica scultura inedita esposta: Orny.

Composta da legno, marmo, ferro e smalto, racchiude in sé un carattere duplice: fragilità e aggressività. Fragilità nella composizione, aggressività nella figurazione.

“Non possiede né naso né orecchie, non ha denti ma zanne, non possiede peli o capelli. È una gura che rappresenta un’emozione o una personalità che può appartenere a tutti senza distinzione di genere.”

 

Romantici, consapevoli. Ingenui, curiosi. Fragili, aggressivi. 

Questa mostra racchiude in sé ciò che ognuno potrebbe essere, ed è proprio facile ritrovarsi. Che sia nel pensiero di Luca, che sia sentimentale, che sia nel modo di guardare le cose: tutti si riconoscono.

 

Fonte: Romance, Luca Loreti for Bitcorp for Art, 2019 – ph. Luca Matarazzo

 

Autore: Alessia Romano

 

Cilcca qui per leggere gli altri articoli!

Facci sapere cosa ne pensi!